Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Instagram

Guo Pei: regina dell’haute couture cinese

Guo Pei: regina dell’haute couture cinese

La componente personale, artistica e culturale in una collezione di moda per me ha da sempre gran valore.
Per questo concentro la mia attenzione nel parlarvi di ciò che cattura la mia attenzione.
Oggi scriverò di una stilista che ho scoperto circa 2 anni fa, il cui lavoro ho imparato ad apprezzare pian piano: Guo Pei.
Sicuramente molti di voi la conosceranno per aver vestito Rihanna al Met Ball del 2015.

La cantante statunitense indossava un sontuoso abito, definito Omelette dress, che ha fatto in poco tempo il giro della rete.
Bordo in pelliccia, lunghissimo strascico e molti ricami rendono questa creazione una delle più costose e lavorate di Guo Pei.
I suoi abiti sono pura arte.

Guo Pei: regina dell'haute couture cinese - Dreaming of the catwalks
Rihanna al Met Ball 2015 – Abito di Guo Pei

Guo Pei: una delle stiliste più influenti al mondo nel business della moda

Guo Pei nasce in Cina nel 1967.
Si avvicina al mondo della moda alla tenera età di due anni, imparando a cucire insieme a sua madre.

Nel 1982 entra nella prima scuola di moda del suo paese, aperta dopo la rivoluzione culturale cinese.
Negli anni seguenti il diploma, Guo Pei lavora in un’azienda di abiti e collabora per circa dieci anni con i principali produttori.
Finalmente nel 1997 apre il suo marchio e il primo atelier.
Nel 2015 i suoi abiti sono esposti alla mostra “China: through the looking glass“.
L’abito indossato da Rihanna al Met Ball ha avuto un gran impatto mediatico.
Grazie a tale evento, la stilista cinese è stata invitata da “La Chambre Syndicale de la haute couture” a sfilare a Parigi nel gennaio 2016.
Lo stesso anno la stilista è stata nominata tra le 500 persone più influenti al mondo nel business della moda.

Guo Pei: regina dell'haute couture cinese - Dreaming of the catwalks
La stilista Guo Pei

 

«Non seguo le tendenze e non entro in competizione con nessuno. Tutto ciò che faccio, lo faccio per seguire la mia passione e per amore della moda»
Guo Pei

Gli abiti di Guo Pei hanno attirato la mia attenzione per il forte impatto scenico.
Opulente ed elaborate, le sue creazioni richiamano storie, leggende e tradizioni cinesi.
I ricami e le applicazioni sono rigorosamente fatti a mano.
Il suo abito più importante ha richiesto gli impiego di moltissimi operai che hanno lavorato alla sua realizzazione per circa 50.000 ore.

I capi di Guo Pei sono indossati da donne distinte appartenenti all’elitè cinese, soprattutto di estrazione politica.
Il lavoro della stilista cinese mi ha affascinato perché i capi richiamano la tradizione del “fatto a mano”, sono frutto del lavoro certosino dei sarti e delle ricamatrici.
Pur celebrando lo sfarzo e il lusso, le sue creazioni racchiudono l’essenza e il messaggio dell’haute couture.
Ciò che realizza è manifestazione dell’estro artistico e della cultura attraverso la moda.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Spring/Summer 2016 by Guo Pei

➺ Potrebbe interessarti anche: Jeremy Scott: vent’anni di carriera

Conoscete il lavoro di Guo Pei? Fatemi sapere cosa ne pensate.
Domenico



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *